LiberCensor

 

«Si faccia attenzione: affermare che essere bipedi implumi è un insieme di condizioni necessarie e sufficienti per avere linguaggio verbale significa dire che non ci può essere un corpo che parla che non sia bipede e implume ma non che, se si è bipedi e implumi, si abbia necessariamente linguaggio verbale»

 

Da Marco Mazzeo (2003) Tatto e linguaggio. Il corpo delle parole. Roma: Editori Riuniti, p. 197.

Pubblicato Sunday 5 February 2017

Modificato Wednesday 13 December 2017


Tatto e linguaggio. Il corpo delle parole

Tatto e linguaggio. Il corpo delle parole

L'essere umano pare costretto a definirsi separandosi tra una parte bestiale e una raziocinante. È possibile fare diversamente, ad esempio sottolineando l'aspetto assolutamente materico di ciò che pare incorporeo: il nostro linguaggio.